SUBAPPALTO E TERNA SUBAPPALTATORI (art. 105 D.lgs. n. 50/2016)

La disciplina del subappalto e, in particolare, l’indicazione della terna dei subappaltatori contenuta nell’art. 105 c. 6 Cod. Appalti è stata oggetto di diverse posizioni interpretative da cui è scaturito contenzioso dinnanzi ai T.A.R. Nella nota ANCE allegata si fa il punto delle prime indicazioni in materia da parte dei giudici amministrativi.

****

CODICE APPALTI – RIMESSIONE QUESTIONI ALLA CORTE GIUSTIZIA UNIONE EUROPEA

Le ripetute difficoltà interpretative e applicative del D.lgs. n. 50/2016, fa registrare negli ultimi mesi la rimessione da parte dei giudici amministrativi di alcune questioni alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con fondati dubbi di compatibilità delle norme contenute nel Cod. Appalti rispetto a quanto previsto nelle direttive comunitarie con particolare riferimento alle direttive UE del 2014 dalle quali in Italia è scaturito il D.lgs. n. 50/2016.

In allegato una tabella riassuntiva delle principali questioni rimesse al vaglio della Corte di Giustizia UE da parte degli organi di giustizia amministrativa. Tra cui: limiti del subappalto, rito processuale “super accelerato”, fattispecie di “illecito professionale” ai fini dell’esclusione dalle procedure di gara.

****

LINEE GUIDA ANAC n. 4 “Procedure affidamento contratti pubblici d’importo inferiore alla soglia comunitaria e indagini di mercato

 Come già comunicatovi, a seguito delle modifiche apportate al Cod. Appalti D.lgs. n. 50/2016 dal decreto correttivo D.lgs. n. 56/2017, l’ANAC ha aggiornato alcune linee guida pubblicate in precedenza, tra cui le L.G. in epigrafe. Queste rappresentano, come ricordato dal parere del Consiglio di Stato che le ha precedute, un atto amministrativo generale di indirizzo non vincolante. Invero, da tali L.G. le stazioni appaltanti possono discostarsi solo con adeguata e puntuale motivazione.

In allegato una nota ANCE di commento delle L.G. ANAC n. 4

 

****

CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE QUALITA’ E AMBIENTE

Rammentiamo che a seguito dell’aggiornamento delle norme UNI EN ISO 9001 e 14001 sono state definite le modalità delle verifiche presso le imprese da parte degli Enti di certificazione per compiere il passaggio alle nuove norme che dovrà essere effettuato entro il 15 settembre 2018. Dopo tale data i certificati rilasciati secondo le edizioni precedenti delle norme saranno revocati.

Pertanto, si raccomanda alle Imprese in possesso delle suddette certificazioni di pianificare per tempo l’aggiornamento dei propri sistemi di qualità.

****

PIANO COMMERCIALE RETE FERROVIE ITALIANE – MAPPA SVILUPPO DAL 2018 AL 2026

Segnaliamo alle Imprese che operano nel settore delle infrastrutture ferroviarie, ai fini della propria pianificazione aziendale, l’esame del Piano Commerciale R.F.I. pubblicato nel loro sito istituzionale.

Tale documento traccia le strategie di sviluppo delle infrastrutture ferroviarie e, nel dettaglio, le previsioni di quali tratte, stazioni, adeguamenti e nuove tecnologie entreranno in esercizio nei prossimi anni nelle singole regioni italiane. Importanti investimenti riguarderanno la Regione Sicilia (da pag. 211).    

 

 

DIRETTIVE EU 2014

La Sicilia 29 - 30 Dicembre 2011

      

Thursday 21 March 2019